Pubblicato in: ven, nov 27th, 2015

Scuola e Famiglia complementari nell’Educazione

Le due agenzie formative principali, famiglia e scuola sono in un rapporto che è in continua trasformazione. I cambiamenti sociali e culturali di cui è stata oggetto la famiglia del XXI secolo hanno posto il sistema-scuola davan­ti ad una serie di nuovi compiti, per alcuni aspetti ad una sfida: essere in linea con i tempi tenendo però ben presenti i propri fondamenti sociali, culturali e valoriali. In passato questi due istituti fondamentali per la crescita della persona erano separati, la famiglia delegava alla scuola tutta una serie di compiti, ricono­scendone la sua autonoma autorità. Nel tempo la presenza attiva della famiglia all’interno del­la scuola è invece cresciuta, dopo che recipro­camente si è avvertita sempre più la necessita di confrontarsi e di scongiurare il rischio di autoreferenzialità. Scuola e famiglia, in unità di intenti, hanno elaborato una nuova consape­volezza del proprio ruolo e del contributo che esse sono in grado di dare alla costruzione di una comunità educante. La scuola ha bisogno di stabilire con i genitori rapporti non episodici o dettati dall’emergenza, ma costruiti dentro un progetto educativo condiviso e continuo.

scuola-famiglia

Quindi parlare di rapporto scuola-famiglia significa fare riferimento ad aspetti di rela­zione, compartecipazione e collaborazione. Entrambe ricercano una “alleanza educativa” a vantaggio delle ragazze e dei ragazzi. Ci si muove su un terreno sempre più complesso, per alcuni aspetti precario, incerto e mute­vole soprattutto rispetto al quadro valoriale che continuamente, e non sempre al meglio, si “aggiorna” con la evoluzione dei tempi. Tanto più alto è il tasso di mutazione tanto più è maggiore la necessità di fidarsi recipro­camente e di fare coesione. La fiducia implica un accreditamento reciproco, perché solo tra partner credibili è possibile stringere un accordo, “aprire” un credito reciproco. Anche la Norma ha concretizzato tale reciprocità tra scuola e famiglia: nel Patto Educativo e di corresponsabilità. Questo dichiara espli­citamente l’importanza del rapporto tra genitori, studenti e operatori tutti della Istituzione Scolastica, un rapporto fina­lizzato alla condivisione dei nuclei fondanti della azione educativa. Sono realtà, scuola e famiglia, con responsabilità differenziate ma assolutamente complementari. Attori in interazione uniti dall’obiettivo del raggiun­gimento del medesimo scopo: la formazione del soggetto che sarà nella sua completezza individuo e cittadino.  

Loredana Di Cuonzo

Lascia un commento

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Gli articoli più letti

MEDIA CATTOLICI

mons. Domenico D'Ambrosio
Discorsi e documenti
Discorsi e Documenti
I MEDIA AL SERVIZIO
SIR Servizio Informazione Religiosa
Osservatore Romano
Quotidiano Avvenire
Famiglia Cristiana On Line
Famiglia Cristiana On Line
Istituto Superiore di Scienze Religiose
Caritas Diocesana di Lecce
Caritas Diocesana di Lecce