Pubblicato in: ven, dic 11th, 2015

Padre Mario Marafioti, la vita accanto agli ultimi

Il compleanno di Padre Mario Marafioti è stato, quest’an­no, non solo l’occasione per ricordare i 35 anni di intensa ed instancabile attività promossa dalla Comunità Emma­nuel, che egli ha voluto fondare e sostenere, ma anche per promuovere l’iniziativa del “villaggio solidale”, un’altra bellissima opportunità di esercizio di carità, solidarietà e condivisione. Solidale, perché la finalità di aiutare il progetto del “villaggio solidale”, appunto, ha determinato la folta par­tecipazione alla festa animata da giovanissimi e bravi can­tanti, domenica 29 novembre, presso le “Sorgenti”. Durante quell’evento è stato presentato e distribuito, ottenendo in dono un significativo importo destinato anch’esso al “Villaggio”, un libretto di poesie dal titolo “Padremarioaccanto”, con rime dedicate a lui o ispirate dalla sua catechiesi. Nei prossimi incontri in Comunità ed altrove verrà riproposto, con le stesse finalità di aiuto e di sostegno. L’autore, Dario Marangio, ha voluto firmarsi con lo pseudo­nimo di “ultimo”, quasi a sot­tolineare l’umiltà del gesto, ed il fatto di aver voluto dare voce ai tanti volontari che, per primi e infaticabili, hanno realizzato, con la guida di Padre Mario, la realtà più importante sul piano del recupero e della spirituale riabilitazione.

padre mario

È stato chie­sto a Piero Severi e Valeria Calò, volontari da sempre, con compiti di responsabilità nella Comunità, di descrivere l’espe­rienza del “villaggio solidale”: “il Villaggio solidale” (a 4 km dalla città – sulla Prov. Lecce- Novoli) da tutti chiamato “Le Casette”, nasce come spazio di vita relazionale ed anche come spazio abitativo e lavorativo rispettoso dell’ambiente e della persona che si integrano esprimendo una cultura di accoglien­za e attenzione reciproca, di pace e di apertura all’esterno. Le Casette, quattro strutture a piano terra (tetti con tegole rosse ed energia solare) sono costituite da piccoli appartamenti adatti a dare risposte diversificate a chi vuole completare un percorso di vita verso l’indipendenza, o trovare una risposta abitativa e uno spazio relazionale culturale solidale all’uomo e alla natura, o essere accolto in un momento transitorio di difficoltà, per sperimentarsi in un percorso sociale e lavorativo e anche spirituale (spazi laboratoriali, agricoltura sociale, orti sinergici, baratto, banca del tempo, etc). È questa per noi una risposta che va al di là della proposta abitativa residenziale perché è un servizio flessibile e di accompagnamento ad inten­sità variabile; è una risposta adattabile che mette al centro la persona in evoluzione nel tempo e si colloca in modo interme­dio nella gamma di servizi esistenti. La grande piazza e la struttura centrale e mobile di accoglien­za che si vuole realizzare (per le scuole, gli enti, le associa­zioni, i gruppi, le famiglie, i laboratori interattivi, il mercato) sono gli elementi che rendono ancora più evidente il dialogo tra periferia e centro della città e tra l’uomo e l’altro uomo, perché si faccia: “unità nella diversità”.

Giovanni Mangiullo

Lascia un commento

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Gli articoli più letti

MEDIA CATTOLICI

mons. Domenico D'Ambrosio
Discorsi e documenti
Discorsi e Documenti
I MEDIA AL SERVIZIO
SIR Servizio Informazione Religiosa
Osservatore Romano
Quotidiano Avvenire
Famiglia Cristiana On Line
Famiglia Cristiana On Line
Istituto Superiore di Scienze Religiose
Caritas Diocesana di Lecce
Caritas Diocesana di Lecce