Pubblicato in: sab, dic 5th, 2015

Nullità Matrimoniale… Certezza giuridica e pace interiore

La Riforma del Processo/Un valido contributo alla riduzione delle distanze tra i fedeli e il Vescovo Diocesano. 

riforma

Il ministero di verità e giudizio affidato da Cristo ai Vescovi costituisce una delle risposte autenticamente “pastorali” con cui viene tutelato lo “ius nubendi”. 

Papa Francisco

La prassi e le interpretazioni autentiche contribuiranno a chiarire aspetti poco lineari della nuova disciplina. 

Il prossimo 8 dicembre entrerà in vigore il Motu ProprioMitis iudex” di Papa Francesco che innova e riforma il pro­cesso canonico per le cause di dichiarazione di nullità del matrimonio. Accanto alle innovazioni processuali pur rilevanti e alle quali tra breve accenneremo, occorre eviden­ziare la “mens” del Supremo Legislatore che, a seguito delle indicazioni fornite dal Sinodo Straordinario sulla famiglia del 2014, ha innova­to il principio giuridico finora portante nell’Ordinamento Canonico secondo il quale le sentenze in materia di “stato di vita” delle persone, andando ad incidere su una condizione fondamentale dei battezzati, per essere defini­tive ed esecutive necessita­vano di una doppia decisione conforme. Tale garanzia è stata assicurata a tutti i fedeli che hanno adito a i Tribunali Ecclesiastici a prezzo però di notevoli lungaggini che, a pa­rere dei Padri Sinodali, spesso hanno scoraggiato il ricorso al giudizio in merito alla validità del proprio vincolo matri­moniale. Ci pare, dunque, che la principale novità che sarà apportata dall’entrata in vigore della nuova normativa riguarderà innanzitutto la riduzione dei tempi neces­sari per l’ottenimento della sentenza esecutiva con cui la Chiesa dichiara la nullità matrimoniale e la conseguen­te possibilità di accedere a nuove nozze. Come insegna­to dal prof. M. J. Arroba Conde, Decano della Facoltà di Diritto Canonico della Pontificia Università Latera­nense, il ministero di verità e giudizio affidato da Cristo ai Vescovi quali Successori degli Apostoli costituisce una delle risposte autenticamente “pastorali” con cui viene tu­telato lo “ius nubendi”, quale diritto fondamentale della persona, non solo senza lede­re ma addirittura promuoven­do l’inderogabile principio di diritto divino dell’indissolubi­lità del matrimonio. Il nuovo processo canonico riguar­da ovviamente la Chiesa Universale interessando aree geografiche e sociali molto diverse e lontane dall’Italia (il Santo Padre ha contestual­mente emanato analoga ri­forma del Codice dei Canoni delle Chiese Orientali), nelle quali risulta gravoso non solo il tempo del processo ma persino poter ricorrere al competente Tribunale Eccle­siastico. La riforma mira ad abbreviare non solo la durata del processo canonico ma anche per così dire le distanze fisiche e geografiche tra i fedeli ed il giudice proprio che resta sempre e comunque il Vescovo Diocesano. Viene pertanto così modificato il can. 1673: Il Santo Padre ci aiuta a comprendere la portata ed il significato di una ulteriore fondamentale innovazione apportata al processo ma­trimoniale canonico, quella del cd. processo più breve dinanzi al Vescovo diocesano.

infografica

Scrive il Papa nel citato Motu Proprio (vedi riquadro): Tra le circostanze che posso­no consentire la trattazione della causa di nullità del matrimonio per mezzo del processo più breve secondo i cann. 1683-1687, si anno­verano per esempio: quella mancanza di fede che può ge­nerare la simulazione del consenso o l’errore che determina la volontà, la brevità della convivenza coniugale, l’aborto procurato per impedire la procreazio­ne, l’ostinata permanenza in una relazione extraconiugale al tempo delle nozze o in un tempo immediatamente successivo, l’occultamento doloso della sterilità o di una grave malattia contagiosa o di figli nati da una precedente relazione o di una carcera­zione, la causa del matrimo­nio del tutto estranea alla vita coniugale o consistente nella gravidanza imprevi­sta della donna, la violenza fisica inferta per estorcere il consenso, la mancanza di uso di ragione comprovata da do­cumenti medici, etc. (cfr. art. 14). Alcuni autorevoli giuristi hanno rilevato che la non tas­satività delle circostanze che nel Motu Proprio vengono elencate solo “ad exemplum” potrebbe intaccare la cer­tezza giuridico-processuale consentendo di adottare discrezionalmente il cd. pro­ cesso breve in qualsivoglia situazione: siamo certi che la prassi e le interpretazioni autentiche contribuiranno ben presto a chiarire aspetti tec­nicamente poco lineari della nuova disciplina. In conclusione possiamo affermare che la riforma del processo matrimoniale cano­nico, lungi dal poter essere considerata una sorta di “di­vorzio cattolico” come alcuni isolati organi di stampa hanno paventato, contribuirà ad abbreviare i tempi di durata dei processi e le distanze tra i fedeli ed il giudice proprio cioè il Vescovo Diocesano. L’unità e l’indissolubilità del matrimonio e l’intero istituto familiare saranno corroborati dal ministero di verità che i Vescovi ed i giudici com­petenti potranno esercitare con maggiore incisività e tempestività restituendo in tal modo certezza giuridica e pace interiore ai nostri fedeli che temono di aver celebrato un matrimonio non autentico e non valido agli occhi di Dio e della Chiesa. 

Pages: 1 2

Lascia un commento

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Gli articoli più letti

MEDIA CATTOLICI

mons. Domenico D'Ambrosio
Discorsi e documenti
Discorsi e Documenti
I MEDIA AL SERVIZIO
SIR Servizio Informazione Religiosa
Osservatore Romano
Quotidiano Avvenire
Famiglia Cristiana On Line
Famiglia Cristiana On Line
Istituto Superiore di Scienze Religiose
Caritas Diocesana di Lecce
Caritas Diocesana di Lecce