Pubblicato in: lun, dic 21st, 2015

La Tradizione/K-M-B a Cracovia

Come sono stati percepiti i Magi nelle diverse culture cristiane? Il Presepe napoletano si affermò a Napoli tra i secoli XVI-XVII e continua ad avere fascino. La caratteristica del presepe napoletano è la presenza sulla scena di figure rappresentative di tutte le attività lavorative operanti sul territorio. Nel frattempo la stessa idea trova espressione nel così detto Presepe vivente la cui caratteristica è costituita da un paesaggio reale e naturale animato da attori veri presi dal popolo che interpretano le varie attività lavorative del luogo.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

In Polonia a Cracovia nei giorni che precedono il Natale vi è la consuetudine di scrivere con un gessetto sugli stipiti delle porte di casa tre lettere dell’alfabeto: K- M- B esse corrispon­dono alle iniziali dei nomi dei Magi Kaspare, Merchiorre, Baldassarre.

57

Qui resiste pure il bel segno di ospitalità che consiste nel preparare un posto in più per il pranzo di Natale in famiglia per un possibile povero che potrebbe presentarsi all’ultimo momento mentre si è seduti a tavola. I Magi sareb­bero stati sepolti nella Cattedrale di Colonia in Germania, edificio iniziato ad essere costruito nel sec. XII per custodire i resti mortali dei Magi una volta trasferiti da Milano in segui­to al saccheggio della città lombarda compiuto da Federico Barbarossa.

Antonio Febbraro

Lascia un commento

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Gli articoli più letti

MEDIA CATTOLICI

mons. Domenico D'Ambrosio
Discorsi e documenti
Discorsi e Documenti
I MEDIA AL SERVIZIO
SIR Servizio Informazione Religiosa
Osservatore Romano
Quotidiano Avvenire
Famiglia Cristiana On Line
Famiglia Cristiana On Line
Istituto Superiore di Scienze Religiose
Caritas Diocesana di Lecce
Caritas Diocesana di Lecce