Pubblicato in: sab, dic 5th, 2015

Il Bonus ai Docenti per l’aggiornamento. Come utilizzarlo?

Nel numero del 31 ottobre scorso, abbiamo dato notizia delle disposizioni relative alla carta del docente, dall’anno scolastico 2016/2017, ed al bonus di 500 euro, per il corrente anno scola­stico, per l’aggiornamento e la formazione dei docenti. Sul proprio sito web, il Miur ha, di recen­te, pubblicato le faq sulle modalità di utilizzo del bonus e della carta, con valore nominale annuo di pari importo,.Riportiamo, di seguito, per esigenze di spazio, le sole risposte ministeriali, dalle quali è facile desumere il contenuto delle domande più ricorrenti dei docenti. A) L’acquisto di libri, pubblicazioni e riviste non deve essere necessa­riamente attinente alla disciplina insegnata, così come previsto dalla legge 107/2015, che riconosce fondamentale la formazione professionale del docente nel quadro degli obiettivi formativi, che riguardano competenze disciplinari e trasversali, scelte educative e metodologie laboratoriali, non riconducibili a una sola e specifica professionali­tà. B) Personal computer, computer portatili e no­tebook, computer palmari, tablet rientrano nella categoria degli strumenti informatici che sosten­gono la formazione continua dei docenti. Non vi rientrano smartphone e componenti parziali dei dispositivi elettronici (toner cartucce, stampanti, pennette Usb e videocamere). C) Come softwa­re acquistabili rientrano tutti i programmi e le applicazioni destinati alle specifiche esigenze for­mative di un docente, come ad esempio program­mi che permettono di consultare enciclopedie, vocabolari, repertori culturali o di progettare mo­delli matematici o di realizzare disegni tecnici, di videoscrittura e di calcolo (strumenti di office automation).

bonusinsegnanti

D) Non rientrano l’abbonamento per la linea di trasmissione dati Adsl, il paga­mento del canone Rai o Pay tv. E) È possibile l’iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Miur, a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale, ovvero a corsi post lauream o a master univer­sitari inerenti al profilo professionale. F) Si può seguire un corso on line se svolto da università, consorzi universitari e interuniversitari, Indire, Istituti pubblici di ricerca o altri enti accredi­tati. G) Si può seguire ogni tipologia di corso organizzato da università, consorzi universitari e interuniversitari (corsi di laurea, di laurea ma­gistrale, specialistica o a ciclo unico, corsi post lauream o master), orso destinato specificamente alla formazione degli insegnanti, purchè inerente alprofilo professionale. H) Si può seguire un corso per lo studio di una lingua straniera all’e­stero, purchè il corso venga erogato da uno dei soggetti di per sè qualificati per la formazione nella scuola, ovvero dagli “Enti culturali rappre­sentanti i Paesi membri dell’Unione Europea, le cui lingue siano incluse nei curricoli scolastici italiani”. I) Si può sostenere l’esame di certifi­cazione di una lingua straniera, purchè l’esame sia promosso da uno degli Enti certificatori delle competenze di lingua straniera del personale della scuola. L) Le rappresentazioni cinemato­grafiche, l’ingresso a musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo non devono essere necessariamente attinenti alla disciplina insegna­ta. M) Non si può acquistare titoli di viaggio per la partecipazione a eventi o per viaggi culturali. Potranno essere rimborsati solo i biglietti per le “rappresentazioni teatrali e cinematografi­che” e quelli per “l’ingresso a musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo”. N) Si può seguire un corso di formazione organizzato dalla propria o da altre scuole, purché coerente “con le attività individuate nell’ambito del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione”. O) È possibile, inoltre, l’acquisto di strumentazioni elettroni­che digitali che migliorano la sperimentazione didattica multimediale della propria scuola e realizzare un corso insieme ad altri docenti ester­no al piano di formazione della propria scuola.

Antonio Ciriolo

Lascia un commento

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Gli articoli più letti

MEDIA CATTOLICI

mons. Domenico D'Ambrosio
Discorsi e documenti
Discorsi e Documenti
I MEDIA AL SERVIZIO
SIR Servizio Informazione Religiosa
Osservatore Romano
Quotidiano Avvenire
Famiglia Cristiana On Line
Famiglia Cristiana On Line
Istituto Superiore di Scienze Religiose
Caritas Diocesana di Lecce
Caritas Diocesana di Lecce