Pubblicato in: ven, nov 27th, 2015

Eventi Meteorici/I rischi geologici non risparmiano il Salento

Per preservare il suolo dal dissesto sarebbe necessario disciplinare attraverso un manuale tecnico comportamentale.

Negli ultimi decenni gli eventi meteorici ecce­zionali, cosiddetti critici, accadono sempre con maggiore frequenza, a tal punto da renderli quasi normali. I danni al territorio e alla popolazione sono sotto gli occhi di tutti. A questo continuo stillicidio di disastri non si sottrae nemmeno il Salento, terra apparentemente esente da criticità idrogeomorfologiche, ma continuamente interessata da eventi alluvionali – che hanno visto anche perdite di vite umane – che colpiscono sia i centri urbani sia tratti di costa ad alto valore cultu­rale e paesaggistico. La domanda che spesso ci facciamo è perché. Per quale ragione anche in un territorio pianeggiante, i centri urbani si alla­gano, le strade diventano torrenti in piena e su alcune di queste si aprono voragini, tratti di costa crollano? Tutto questo viene racchiuso in due parole “dissesto idrogeologico”. Per spiegarlo sarebbe necessario consultare trattati di idrogeologia, geologia applicata, geomorfologia e soprattutto bisognerebbe chiederlo ad un geologo. Ad un geologo del territorio, capace di interpretare la storia e l’evoluzione di una deter­minata area, ma anche altri tecnici, proprietari e fruitori di immobili e terreni, coloro che dovrebbero esercitare tutti gli accorgimenti operativi e tecnici per un corretto uso del suolo e di fornire soluzioni adeguate per la mitigazione di tali rischi. Senza entrare nel merito delle problematiche naturali che investono questo tema e intrinseche nel territorio, alcune considerazioni possono essere comunque fatte. Il territorio salentino, come quello pugliese è costituito prevalente­mente da rocce calcaree altamente permeabili, ricoperte in alcune zone (generalmente depresse) da depo­siti a bassa permeabilità, in corri­spondenza delle quali è possibile ritrovare falde acquifere superficiali utili allo sviluppo rurale e urbano. È proprio in queste aree che molti centri abitati sono sorti e che già in passato probabilmente subivano allagamenti, con la sostanziale dif­ferenza che in passato la superficie impermeabile era molto ridotta e le acque si infiltravano nel sottosuolo, le campagne erano ben gestite anche da punto di vista idraulico, consen­tendo che il deflusso delle acque superficiali avvenisse nei naturali recapiti finali rappresentati da vore e inghiottitoi, oggi molto spesso obliterati per la scarsa manutenzione delle amministrazioni locali.

latiano

La loro antica collocazione in aree depresse, quasi sempre ricoperte da depositi colluviali argillosi-sabbiosi che ostruiscono i punti di assorbimento, e l’intensa urbanizzazione che dagli anni 70 ha interessato il territorio, hanno incrementato le criticità e le vulnerabilità dei centri urbani, coinvolti sempre più frequentemente in estesi alluvionamenti. È da evi­denziare che nell’ultimo decennio molto ha fatto la Regione Puglia in questo senso, adeguando i sistemi di fognatura pluviale che tuttavia in alcuni casi non sono riusciti a far fronte ad eventi meteorici particolar­mente intensi con danni ingenti alle infrastrutture e alla popolazione, in alcuni casi con perdite di vite uma­ne. Un obiettivo importante che tutti noi dovremmo proporci è quello di imparare ad apprezzare e tutelare il nostro territorio, instillare nei nostri giovani sin da subito la cultura della prevenzione e della mitigazione del rischio, oltre che azioni comporta­mentali da adottare in caso di eventi di piogge critici. Per preservare la risorsa suolo dal dissesto, sarebbe necessario disciplinare attraverso un manuale tecnico-comportamentale, per promuovere le materie inerenti la gestione dei suoli per la prevenzione del rischio idrogeologico. Il 6 set­tembre scorso, i geologi italiani sono scesi nelle maggiori piazze italiane per la “Giornata nazionale sui Geori­schi”, indetta dal Consiglio Naziona­le dei Geologi in collaborazione con gli Ordini Regionali e con l’Ufficio della Protezione Civile, al motto di – Georischi, li (ri)conosco, mi difendo -. Il fine era quello di stimolare e incentivare l’interesse del cittadino verso i rischi geologici, la conoscen­za del territorio locale e l’autoprote­zione; importante anche la presenza e attività della Protezione Civile, che nella sua importante funzione istitu­zionale ha il ruolo fondamentale di informare la popolazione sui rischi naturali e antropici presenti nel loro territorio, fornendo inoltre norme e corrette pratiche comportamentali in caso di evento. Una popolazione informata, consapevole e attiva, impedisce da un lato che l’egoismo e l’avidità prendano il sopravvento nelle loro vite fino a distruggere l’e­quilibrio dell’ambiente stesso in cui vivono, e allo stesso modo pretende il giusto comportamento da parte delle istituzioni, sviluppando proget­ti che vadano anche nella direzione della divulgazione delle tematiche dei rischi naturali che interessano il nostro territorio.

Maria Teresa Friolo

Lascia un commento

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Gli articoli più letti

MEDIA CATTOLICI

mons. Domenico D'Ambrosio
Discorsi e documenti
Discorsi e Documenti
I MEDIA AL SERVIZIO
SIR Servizio Informazione Religiosa
Osservatore Romano
Quotidiano Avvenire
Famiglia Cristiana On Line
Famiglia Cristiana On Line
Istituto Superiore di Scienze Religiose
Caritas Diocesana di Lecce
Caritas Diocesana di Lecce