Pubblicato in: gio, dic 10th, 2015

Gli incrementi delle Pensioni per il 2016

Saranno soltanto le pensioni di importo medio, quelle che si col­locano all’incirca tra 1.500 e 3.000 euro – cioè tra tre e sei volte il trattamento minimo – a beneficiare di una rivalutazione per il 2016. Sarà di pochi centesimi, ma l’aspetto notevole è che tale “privilegio” deriverà non dall’ordinario ade­guamento dei trattamenti pensionistici al costo della vita, alla cosiddetta “inflazione”, bensì avverrà per effetto della sentenza della Corte costituzionale che ha dichiarato illegittimo il blocco della perequazione nel 2012-2013. Infatti, il tasso di rivalutazione provvisorio da applicare alle pensioni nel 2016 è – si badi bene – pari a zero. Quindi nel 2016 non ci sarà alcun incremento degli importi delle pensioni in pagamento per effetto dell’adeguamento al costo della vita. Infatti, il decreto 19 novembre 2015 del ministero dell’Economia e delle Finanze, pub­blicato il 1° dicembre scorso nella Gazzetta ufficiale, fissa a zero, “salvo conguaglio da effettuarsi in sede di perequazione per l’anno successivo” la percentuale provvisoria di variazione per il calcolo della perequazione delle pensioni nel 2016. Si tratta ovviamente di un valore provvisorio, in quanto calcolato sui dati (parziali) ad ora disponibili per il 2015, quindi non è improba­bile che quello definitivo cambi, con effetto tra un anno esatto. Così come la perequazione provvisoria per le pensioni del 2015, stabilita all’inizio dell’an­no nella misura dello 0,3%, è stata poi invece fissata definitivamente – dallo stesso decreto citato – allo 0,2%.

pensioni

Come conseguenza, all’ini­zio del 2016 i pensionati dovranno restituire lo 0,1% in più incassato nel 2015. Pochi centesimi, beninteso! Ma il meccanismo di perequazione prevede che venga fissato un valore stimato, calcola­to sull’anno in corso, da applicare in quello immediatamente successivo (nel nostro caso il 2016) e contemporaneamente divenga defi­nitivo quello utilizzato nell’anno in corso (il 2015, ma di fatto riferito all’anno 2014). L’attuale meccanismo della perequazione automatica delle pensioni è stato impostato con il decreto legislativo 503/1992, che ha introdotto l’adeguamento degli importi sulla base della variazione annuale del costo della vita di operai e impiegati. Da allora i valori dei conguagli sono sempre stati a favore dei pensionati. All’epoca, tempi di inflazione abbastanza elevata, il legislatore non ha minimamente ipotizzato un tasso pari a zero o addirittura negativo. Ma ora (purtroppo?) ci siamo, con conseguenze per alcuni aspetti inimmaginabili. Si è infatti posta una questione analoga con la rivalutazione dei montanti contributivi, pure questa ipotizzata dal legislatore degli anni ’90 come sempre in ascesa. Invece, nel 2014 il tasso di rivalutazione dei montanti contributivi è venuto fuori dai calcoli come negativo ed al governo è toccato intervenire con un proprio decreto per evitare che – per la prima volta nella storia della previdenza italiana – i contributi accumulati dai lavoratori si riducessero di importo invece di crescere come qualsiasi investimento “sicuro”.

Antonio Silvestri

Lascia un commento

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Gli articoli più letti

MEDIA CATTOLICI

mons. Domenico D'Ambrosio
Discorsi e documenti
Discorsi e Documenti
I MEDIA AL SERVIZIO
SIR Servizio Informazione Religiosa
Osservatore Romano
Quotidiano Avvenire
Famiglia Cristiana On Line
Famiglia Cristiana On Line
Istituto Superiore di Scienze Religiose
Caritas Diocesana di Lecce
Caritas Diocesana di Lecce