Pubblicato in: gio, dic 10th, 2015

Docenti esclusi dal Bonus di € 500. Il ricorso dei Sindacati

Nei numeri del 31 ottobre e del 5 di­cembre scorsi abbiamo dato notizia, rispettivamente, dell’istituzione della “Carta”/Bonus di 500 euro, per ogni anno scolastico, per la formazione e l’aggiornamento dei docenti e dei chiarimenti ministeriali sulle modalità del suo utilizzo per il pagamento degli strumenti e delle attività ritenuti coerenti ed utili per la formazione continua e l’aggiornamento professionale dei docenti di ruolo. Riteniamo opportuno, ora, dare l’informazione che i sindacati Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Unams hanno presentato unitariamente ricorso, al Tar del Lazio, per impugnare il provvedimen­to che esclude i docenti precari e gli educatori impegnati nei convitti e negli educandati dalla possibilità di fruire della “Carta” per sostenere le attività di formazione e di aggiornamento culturale e professionale.

bonusinsegnanti

Queste, in sintesi, le considerazioni esposte. Il personale docente a tempo determinato svolge a pieno titolo, al pari dei colleghi a tempo indeterminato, la funzione docente per tutte le attività programmate dalla scuola. Stesso discorso vale per gli educatori, equi­parati ai docenti dalla norma e dal quotidiano impegno didattico ed educativo a favore dei giovani convittori e semiconvittori. I docenti a tempo determinato non possono essere trattati in modo meno favorevole dei colleghi a tempo indeterminato sol perché hanno un con­tratto di lavoro a termine.

scuola-2

La discriminazione, oltre a trattare in modo diverso docenti che svolgono allo stesso modo la propria funzione ed hanno le medesime esigenze di formazione e di aggiornamento culturale e professionale, si pone in palese contrasto con la Direttiva in merito dell’Unione Europea. Questa ha, infatti, affermato che “i lavoratori a tempo de­terminato non possono essere trattati in modo meno favorevole dei lavoratori a tempo inde­terminato comparabili per il sol fatto di avere un contratto o un rapporto di lavoro a tempo determinato”. Le norme contrattuali vigenti prevedono un unico profilo professionale per il docente, che comprende tutte le funzioni e attività, da quella di insegnamento a quella di formazione e aggiornamento, senza alcuna distinzione fondata sulla diversità della durata del rapporto di lavoro. Si può configurare, inoltre, una discriminazione tra scuole e convitti, a svantaggio di chi ha un maggiore utilizzo di docenti precari. Per le predette considerazioni, le disposizioni ministeriali violano, a parere dei sindacati ricorrenti, i principi di “imparzialità” che dovrebbero essere, invece, osservati nel determinare le condizioni che sostengono il buon andamento del servizio scolastico pubblico.

Antonio Ciriolo

Lascia un commento

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Gli articoli più letti

MEDIA CATTOLICI

mons. Domenico D'Ambrosio
Discorsi e documenti
Discorsi e Documenti
I MEDIA AL SERVIZIO
SIR Servizio Informazione Religiosa
Osservatore Romano
Quotidiano Avvenire
Famiglia Cristiana On Line
Famiglia Cristiana On Line
Istituto Superiore di Scienze Religiose
Caritas Diocesana di Lecce
Caritas Diocesana di Lecce