Pubblicato in: sab, dic 5th, 2015

C’era una volta la “Voce del Secolo”

Tito Schipa/Una serie di iniziative promosse dal Comune di Lecce per ricordare il grande Tenore scomparso 50 anni fa. 

schipa_1

Tito Schipa è univer­salmente riconosciu­to e celebrato come uno dei più grandi cantanti di tutti i tem­pi, e nel suo specifico ruolo di tenore “di grazia” il massimo artista in assoluto. A cin­quant’anni della sua scompar­sa, avvenuta a New York il 16 dicembre del 1965, la sua fama è ancora oggi più viva che mai nel mondo ed in Italia. Nato a Lecce nel 1888, ha rag­giunto in pochi anni i massimi successi in tutto il mondo, venendo considerato da metà degli anni ‘20 l’immediato suc­cessore di Caruso, ed assieme a Beniamino Gigli come la figura classica del tenore italiano preminente nel mondo. La sua carriera è durata più di cinquant’anni, caso più unico che raro per un lirico. Nell’immaginario collettivo la presenza e l’importanza di Tito Schipa sono ancora fortissime, come ha dimostrato pochi anni fa il referendum promosso da RadioTre sulla più bella voce del secolo. Una gara che vide scendere in campo 64 perso­naggi, tra attori, registi, poeti, letterati, cantanti di musica leggera e lirica.

schipa_2

Una sfida avvincente e appassionata, ad eliminazione diretta, decisa dalle preferenze dei radioascol­tari che non fecero mancare clamorose sorprese come l’eli­minazione quasi immediata di Mina. La voce di Schipa non lasciò scampo negli ottavi a Titina De Filippo, battuta con un plebiscito pari al 95%, e nei quarti a Giuseppe Ungaretti (che pure con i suoi sussurri aveva battuto Marcello Ma­stroianni), surclassato con una percentuale dell’81%. Approdò così alla semifinale contro Fabrizio De Andrè uscito vincente dalla scontro con Totò. Un numero altissimo di votanti attribuì al tenore leccese una percentuale del 55,38% contro il 44, 62 del grande cantautore genovese. Schipa arrivò in finale e si tro­vò di fronte Maria Callas, alla quale, sul filo di lana, cedette cavallerescamente il passo. Ma con una distanza che, misurata con il metro del gradimento degli ascoltatori di Radio Tre, seppe più di rispetto per la “di­vina” che non di sconfitta per Schipa, il più grande tenore di grazia del ‘900 e per gli italiani “il tenore del secolo”.

schipa_3  schipa_4

Tra gli eventi organizzati dal Comune di Lecce nell’ambito della attività di “Lecce capitale italiana della cultura 2015” non potevano mancare una serie di manifestazioni legate a questa ricorrenza, organizzate dall’Associazione Nireo in collaborazione con Archivio Schipa Carluccio, Associazio­ne Amici della Lirica, Accade­mia operistica internazionale e Teatro Politeama Greco. Dal 9 al 14 dicembre ci sarà al Must la riproposta dello sceneggiato radiofonico in 13 puntate sulla vita di Tito Schipa prodotto da Radio Uno negli anni 90, con la parteci­pazione di 60 attori, leccesi e internazionali, e dell’Orche­stra “Tito Schipa” di Lecce diretta da Ottavio Ziino. Sceneggiatura e regìa di Tito Schipa Jr. Le puntate sono ora audio-video (sono state aggiunte moltissime immagini rare provenienti dall’Archivio Schipa-Carluccio) e saranno proiettate a partire dalle ore 18, due puntate al giorno e tre nel giorno finale (ingresso libero). Nello stesso museo storico sarà allestita una mostra con alcuni abiti di scena e cimeli apparte­nuti al tenore.

schipa_5

Le foto sono state gentilmente concesse dall’Archivio Schipa-Carluccio

Il 15 dicembre kermesse Schipa al Teatro Paisiello (in­gresso libero). Alle 18 ed alle 22.30 ci sarà la proiezione del film-opera-rock “Orfeo 9” di Tito Schipa Jr. nella versione restaurata e risonorizzata dal giovane film-maker Ermanno Manzetti, con presentazio­ne del triplo dvd prodotto di recente dall’Associazione Cul­turale “Tito Schipa”. Alle 21 la conferenza-spettacolo di Tito Schipa Jr. sulla figura e sull’ar­te del padre, con documenti audio e video rari o inediti. Il 16 dicembre alle 20.30 serata di gala al teatro Politea­ma Greco con la presenza del grande baritono Leo Nucci, che nella prima parte – pre­sentata da Sabino Lenoci, Direttore della rivista “L’Ope­ra” – riceverà il Premio Schipa e terrà un recital accompagnato dal pianista Ekland Hasa. Nella seconda parte ci sarà lo spettacolo “Recital CanTango: il tango da Schipa a Gardel” di e con il celebre Tenore Fabio Armiliato e con l’acclamatis­simo Soprano Daniela Dessì (ingresso a pagamento).

Maria Agostinacchio

Lascia un commento

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Gli articoli più letti

MEDIA CATTOLICI

mons. Domenico D'Ambrosio
Discorsi e documenti
Discorsi e Documenti
I MEDIA AL SERVIZIO
SIR Servizio Informazione Religiosa
Osservatore Romano
Quotidiano Avvenire
Famiglia Cristiana On Line
Famiglia Cristiana On Line
Istituto Superiore di Scienze Religiose
Caritas Diocesana di Lecce
Caritas Diocesana di Lecce