Pubblicato in: gio, nov 5th, 2015

All’estero con le borse di studio “Itaca”

È stato recentemente pubblicato dall’Inps il bando di concorso “Programma Itaca” per l’asse­gnazione di borse di studio per soggiorni scolastici all’estero. Il bando è reperibile su www.inps.it e benefi­ciari possono essere i figli dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazio­ne, iscritti alla Gestione unitaria delle pre­stazioni creditizie e sociale e dei pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici. Si tratta di una nuova prestazione finalizzata a offrire agli studenti della scuola secondaria di secondo grado un percorso di mobilità internazionale. Ma il “Programma Itaca” intende costituire, per i giovani studenti, anche un percorso di crescita umana, sociale e culturale, attraverso la frequenza di un intero anno scolastico (o parte di esso) presso scuole straniere, localizzate all’estero. Sarà possibile presentare la domanda, esclu­sivamente per via telematica, dalle ore 12,00 di lunedì 16 novembre. Ma attenzione alla scadenza: è fissata inderogabilmente per le ore 12,00 di domenica 13 dicembre 2015. Prima di procedere alla presentazione della domanda, occorre che il soggetto richiedente sia iscritto nella “banca dati” ex Inpdap e abbia presentato la Dichiarazione Sostitutiva Unica ai fini del rilascio dell’Isee.

navigando-inps banner_itaca_testata

Non vi è ovviamente necessità di presentazione di una ulteriore Dsu qualora il beneficiario sia già in possesso di un’attestazione Isee 2015, riferita al nucleo familiare in cui lo stesso compare. Naturalmente, l’Attestazione deve essere in corso di validità; a tal proposito, va ricor­dato che tutte le attestazioni Isee elaborate nell’anno 2014 sono scadute. Come già detto, prima di procedere alla compilazione della domanda occorre essere iscritti in “banca dati”, cioè essere ricono­sciuti dall’Inps come “richiedenti” della prestazione. L’Istituto è già in possesso dei dati anagrafici relativi ai titolari del diritto. Altri “soggetti richiedenti”, però, previsti dal bando, potrebbero non essere registrati e dovranno quindi preventivamente presentare una richiesta d’iscrizione nella citata “banca dati”. La domanda di iscrizione in banca dati, compilabile tramite il modulo “Iscrizione in banca dati” prelevabile dalla sezione “Modu­listica”, all’interno del sito www.inps.it, deve essere presentata dal richiedente alla Sede Provinciale Inps competente per territorio. Per la presentazione della domanda di par­tecipazione è anche necessario, da parte del soggetto richiedente, il possesso di un “Pin”, utilizzabile per l’accesso a tutti i servizi telematici messi a disposizione dall’Inps, che si può richiedere on line, accedendo al sito istituzionale www.inps.it, oppure tramite il contact center 803.164 oppure infine presso gli sportelli delle Sedi Inps. Per ottenere il Pin on line o tramite il contact center occor­rono alcuni giorni. Chi ne fosse sprovvisto deve quindi provvedere tempestivamente. Per la domanda basta un “Pin on line”; non è richiesto il “Pin dispositivo”. Per informa­zioni è sempre possibile consultare il portale www.inps.it

Antonio Silvestri 

Lascia un commento

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 

Gli articoli più letti

MEDIA CATTOLICI

mons. Domenico D'Ambrosio
Discorsi e documenti
Discorsi e Documenti
I MEDIA AL SERVIZIO
SIR Servizio Informazione Religiosa
Osservatore Romano
Quotidiano Avvenire
Famiglia Cristiana On Line
Famiglia Cristiana On Line
Istituto Superiore di Scienze Religiose
Caritas Diocesana di Lecce
Caritas Diocesana di Lecce